Automattic ha rilasciato la versione 5.5 di WordPress.
Si tratta di una minor release ma ricca di nuove funzionalità e miglioramenti… in totale circa 450.

La nuova versione – nome in codice Ecktstine – migliora l’editor a blocchi, consente di modificare le immagini online, ti dà un’anteprima del contenuto migliorata e molto altro ancora.
In questo post del blog elenco le nuove caratteristiche e le modifiche che proprio devi conoscere. Enjoy!

> Editor dei blocchi

Dalla versione 5.0 di  WordPress siamo stati introdotti in un nuovo ambiente di editing basato su blocchi e chiamato editor di blocchi o Gutenberg. Da allora, ogni versione di WordPress ha migliorato questo editor e la versione 5.5 non fa eccezione.

Oltre ad alcune modifiche evidenti nell’interfaccia utente, “Eckstine” ci introduce ai modelli di blocco e alla nuova directory dei blocchi.
I modelli di blocco sono blocchi già pronti sulla base di impostazioni di uso comune e sono davvero utili quando si tratta di gestire elementi standard nelle pagine o nei post.

I modelli consentono di impostare rapidamente il layout di una pagina e anche se oggi il numero di modelli è limitato, questo numero probabilmente continuerà a crescere nei prossimi anni.

Una seconda novità che riguarda l’ambiente di editing è la possibilità di modificare le immagine direttamente in essa, senza passare dalla libreria multimediale.

> Laxy Loading

Forse il cambiamento più interessante di WordPress 5.5 è l’aggiunta del laxy loading nativo. Nativo significa che la funzionalità è già incorporata e non ha bisogno di alcun plugin. Ciò che rende questa caratteristica davvero utile è che non devi fare nulla: si imposta da sola e il tuo sito è più veloce. Sì esatto, più veloce… perché il lazy loading consente al sito di funzionare più velocemente.

Il caricamento lazy è un metodo per posticipare il download delle immagini e dei video che sono presenti sulla pagina ma non sono, in quel momento, visualizzati sullo schermo. Ciò significa che un visitatore può utilizzare una pagina web senza dover aspettare che tutto venga scaricato. Quando poi il visitatore scorrerà verso il basso, le componenti della pagina rimanenti verranno scaricate solo quando saranno effettivamente necessarie.

Ciò è molto utile perché il caricamento rapido di un sito è associato a una migliore esperienza di navigazione, quindi a maggiori entrate pubblicitarie e a maggiori vendite.

> Aggiornamento automatico tema e plug-in

WordPress 5.5 introduce una funzione che permette di aggiornare automaticamente temi e plugin.
È una funzionalità più importante di quanto possa sembrare perché alcuni aggiornamenti sono fondamentali per prevenire gli attacchi al sito. Gli hacker, infatti, possono spesso mettere mano a un sito a causa dei plugin o del tema obsoleti.
Questa nuova funzionalità impedirà che ciò  si verifichi e aiuterà a mantenere un sito più sicuro.

L’aggiornamento automatico è utile soprattutto per i siti statici, che non cambiano molto e non utilizzano molti plugin. Ci sono casi limite in cui l’aggiornamento dei plugin potrebbe introdurre problemi indesiderati; alcuni casi in cui è più sicuro aggiornare manualmente i plugin per le patch critiche, attendendo più a lungo prima di aggiornare le funzionalità. Ecco perché alcuni editor preferiscono scegliere manualmente quando e quali plugin aggiornare. Per questo motivo l’aggiornamento automatico del tema e dei plugin è disattivato per impostazione predefinita ed è necessario abilitarlo per poterne sfruttare i vantaggi.

> Sitemap

La sitemap è la mappa di un sito web che aiuta i motori di ricerca a scoprire le nuove pagine da classificare. Una sitemap consente a un editor di indicare ai motori di ricerca dove si trovano tutte le pagine del sito e in particolare le nuove pagine.
La nuova versione di WordPress introduce la sitemap incorporata. Non sarà dunque più necessario un plugin di terze parti per generarla.

Purtroppo la funzionalità sitemap di WordPress 5.5  ha alcune limitazioni.
Tra queste quella più importante è l’assenza di una sitemap destinata alle immagini. Una sitemap per immagini, analogamente a quella per testi, è una mappa che permette di segnalare tutte le immagini del sito ai motori di ricerca.

Come sappiamo, le immagini aiutano i motori di ricerca, e Google in particolare, a capire di cosa tratta una determinata pagina. Le immagini possono perfino classificare i risultati della ricerca.

L’assenza della sitemap per immagini dunque è una limitazione non da poco che riduce l’utilità della nuova funzione solo ai siti con poche immagini e non determinanti.

> I browser meno recenti non sono più supportati

Il supporto per Internet Explorer da 6 a 9 è stato eliminato. Hallelujah!
Il vantaggio è meno codice e un sito web più snello, più veloce e con migliori performance.

In primo luogo è stato rimosso il codice di stile specifico per IE 6-8.
La quasi totalità degli utenti non utilizza più questi vecchi browser mentre la maggior parte delle visite che riscontriamo come IE 6-8 è in realtà composta da bot che fingono di essere tali browser.
Insomma è un cambiamento gradito che non impatterà sull’utenza rendendo però il foglio di stile un po’ più piccolo e più veloce da scaricare.

Il secondo cambiamento riguarda la masonry layout library che non supporterà più IE 8 e 9.
Gli editor che desiderano supportare ancora questi browser dovranno apportare appropriate modifiche al codice.

> Verifica dei plugin

WordPress Eckstine introduce un modo per verificare se un plugin è malevolo e, in questo caso, per impedirgli di essere aggiornato.

In particolare introduce la possibilità per wordpress.org di controllare il roll-out di un aggiornamento e intervenire su di esso.

 

In definitiva

WordPress 5.5 è un importante aggiornamento che introduce un gran numero di funzioni utili, che renderanno il sito più veloce e aiuteranno gli editor a raggiungere più facilmente i propri obiettivi. Per scoprirle tutte clicca qui